Era un lujo


no nos dimos nada más,
sólo un buen gesto.

Chi può dire di stare vivendo ciò che aveva pensato di vivere

il mistero più grande della vita è la nostra capacità di sopportazione

sopportiamo che i nostri sogni si ribaltino

accettiamo di fare ciò che ci addolora

camminiamo nelle scarpe che ci scorticano i calcagni a sangue

adoriamo gli uomini che ci tolgono il presente e ci annullano il futuro

assistiamo immutati al nostro cambiamento

noi non siamo più noi

il passato un mondo lontano

la vista affievolita

le forze infiacchite

ciò che non siamo più è ciò che eravamo senza motivo

quella certezza del buono ancora da venire

quell’ essere profondamente corpo vivo pulsante

eppur profondamente spirito leggero ridente

siamo stati puro splendido equilibrio volitivo

e un giorno dopo l’altro

dieci decenni ci sono piovuti dentro e ci hanno foderato e immobilizzato

imposto il qui il no l’odioso è così

e nulla facciamo e nulla faremo

ci lasceremo

fare e avvolgere dai nostri mille pensieri

che ci levano il sonno e il tempo

lieve olio profumato

ce lo siamo sparsi noi stessi addosso

noi stessi abbiamo voluto pur non volendo

perchè mai avremmo voluto

essere ciò che né fummo.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...