Puertas cerradas


Don’t speak to me this way
Don’t ever let me say
Don’t leave me again [x2]
I never felt this loss before
And the world is closing doors
I never wanted anything more
[x2]
Don’t hug me this way
Don’t touch me this way
Don’t hug me again [x2]
Don’t hug me this way
Don’t touch me this way
Don’t hug me this again [x2]
I never felt this loss before
And the world is closing doors
I never wanted anything more
Don’t let me make the same mistake again
Please, don’t let me make the same mistake again
Don’t let me make the same mistake again
I never felt this loss before
And the world is closing doors
I never wanted anything more
Please, Don’t let me make the same mistake again [x2  (“Mistake” – Moby)

 

Una delle cose più comuni agli esseri umani è che si sbaglino.

Sbaglino strada, numero di telefono, persona

moglie, marito

un acquisto qualunque

una previsione qualunque.

Sbaglino un tuffo, una gara, una partita, un gol

il momento per parlare

o per stare zitti.

Sbaglino domanda, risposta, conti, parole

opere, opinioni.

Sbaglino scelte.

E  non per questo

non perché lo sappiano e se ne rendano conto

dei propri sbagli stupidi

e di quelli, innumerevoli,

innumerevoli refusi,

altrui

non per questo smetteranno di commetterli.

Inconsapevolmente

o consapevolmente,

peccano 

di ottimismo.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...